• 01.JPG
  • 02.JPG
  • 03.JPG
  • 05.JPG
  • 07.JPG
  • 08.JPG
  • 10.JPG
  • 11.JPG
  • 12.JPG
  • 13.JPG
  • 14.JPG
  • 16.JPG
  • 17.JPG
  • 18.JPG
  • 19.JPG
  • 21.JPG
  • 22.JPG
  • 23.JPG
  • 24.JPG

La gravidanza è il periodo durante il quale le donne sono soggette a modificazioni strutturali, e neuro - fisiologiche (aumento del peso, modificazione dell’atteggiamento posturale…) che possono provocare notevoli disturbi quali lombalgia, cervicalgia, sciatalgia, pesantezza degli arti inferiori, nausee, ecc.

L’osteopata, intervenendo con delicatezza sulla struttura della paziente, riesce a riequilibrare tutti i sistemi recettoriali e posturali della futura mamma alleviando così i disturbi che accompagnano la donna durante la gravidanza.

 

Principali indicazioni al trattamento:

  • Anomalie di posizione dell’utero
  • Disturbi ovarici
  • Sindromi premestruali e intermestruali
  • Dismenorree
  • Patologie sessuali
  • Amenorree
  • Anomalie e disturbi vescicali
  • Gravidanza
  • Post-Parto

OSTEOPATIA E FERTILITA'

A volte, anche se tutti gli esami sono a posto, la donna non riesce a restare incinta: questo fatto potrebbe dipendere da un blocco vertebrale o da un difetto di postura. Blocchi e rigidità compromettono l’efficacia del sistema vascolare e neurologico del bacino, di conseguenza gli organi genitali non sono irrorati e innervati efficacemente per il loro corretto funzionamento.

Un caso frequente è quello dello spostamento del coccige, cioè l’ultima parte della colonna vertebrale, articolata con l’osso sacro. Il coccige è un osso fondamentale per l’equilibrio del bacino e spesso traumi, cadute o posture errate possono essere sufficienti per portarlo fuori asse. Questo può influire sull’assetto della colonna, importante per la fertilità. Con l’osteopatia la posizione si può facilmente correggere, migliorando così la fisiologia del bacino. 

Le dolci manovre dell’osteopata aiutano anche a ridurre le tensioni causate dalle aderenze all’interno dell’addome che a volte rendono difficile la gravidanza. In seguito a interventi all’addome, a infiammazioni del tessuto che riveste l’utero e a infezioni da germi come la clamydia, che oggi sono in grande aumento, nei tessuti si possono creare aderenze e ispessimenti. Se le irregolarità si trovano vicino alle tube, il passaggio dell’ovulo in questi canali sottilissimi risulta più faticoso. Anzi, a volte, se si fa un'indagine, ci si rende conto che le tube sono chiuse quasi del tutto. Ma non è detto che la situazione sia definitiva. L’osteopatia in questo caso può aiutare con manovre viscerali delicatissime, che “massaggiano” i tessuti, riducono le aderenze e migliorano il flusso sanguigno e linfatico spesso congestionato dalla presenza dei “nodi” fibrosi. I risultati sono buoni: nel giro di qualche seduta può succedere che le tube si aprano e che l’ovulazione riprenda con regolarità.

L’osteopatia arriva ad agire anche sull’utero stesso: se è ad esempio retroverso ne può favorire la rotazione e il ritorno nella corretta posizione, rendendo così più probabile la gravidanza. Questo è possibile perché i nostri organi non sono fissi, ma hanno una propria mobilità sui propri assi, che può essere migliorata con le dolci manipolazioni dell’osteopatia. Così si forma un "terreno" più vitale e accogliente che facilita la gravidanza.

 

Il paziente prima di essere preso in cura deve essere stato visitato da un medico specialista.

 


PRENOTA UN APPUNTAMENTO

+39 049 8934703


INVIACI UNA RICHIESTA

info@osteocenter.it


DOVE SIAMO

Vigonza - Padova