• 01.JPG
  • 02.JPG
  • 03.JPG
  • 05.JPG
  • 07.JPG
  • 08.JPG
  • 10.JPG
  • 11.JPG
  • 12.JPG
  • 13.JPG
  • 14.JPG
  • 16.JPG
  • 17.JPG
  • 18.JPG
  • 19.JPG
  • 21.JPG
  • 22.JPG
  • 23.JPG
  • 24.JPG

PRINCIPI

Alla base della biodinamica sono i fondamenti anatomo-neuro-fisiologici dell’osteopatia.
Nel sistema cranio–sacrale (cranio-colonna-sacro), che contiene il Sistema Nervoso Centrale, esiste un fluido chiaro come l’acqua, il Liquido Cefalo Rachidiano (LCR), che svolge nel Sistema Nervoso Centrale funzioni simili a quelle che svolge il sangue per gli altri tessuti corporei: nutre le strutture nervose (cervello e midollo spinale) e veicola sostanze per il sistema immunitario. Oltre a ciò, svolge un vero e proprio ruolo di protezione per le strutture nervose ad esso connesse, facendo parte di un sistema idraulico semichiuso che circola dal cranio alla colonna e viceversa. 

Considerando che ogni funzione del nostro corpo è in qualche modo connessa con il Sistema Nervoso Centrale, possiamo immaginare quanto sia importante la libera circolazione del LCR per il buon funzionamento del nostro SNC e i conseguenti meccanismi corporei di autoregolazione

STORIA ED EVOLUZIONE

Alla base dell’organizzazione del sistema umano esiste una fonte di salute perenne, il "Soffio di Vita" così come lo definiva il Dr. Sutherland (il padre dell’osteopatia craniale), che si manifesta in tutti gli esseri viventi.
Il principio organizzativo espressione detta "Soffio di Vita" può essere percepito come un ritmo sottilissimo, la Respirazione Primaria, riferito ad una motilità fluidica che permea e mobilita le strutture apportando energia vitale.

La forza vitale intrinseca del corpo, il "Soffio di Vita", fu considerata dal Dr. Sutherland, la forza animatrice ossia la "Fiamma del Fuoco di Vita", o la scintilla che sta dietro questo ritmo involontario. Alludendo all’origine di questo fenomeno, altri terapeuti professionisti vi hanno fatto riferimento come al “respiro dell’anima del corpo”.

Si ritiene che il "Soffio di Vita" porti in sé una “potenza” delicata, ma importante, (che il Dr. Sutherland chiamava Maree) che si esprime attraverso ritmi sottili. Il Dr. Sutherland sosteneva che il fluido cerebrospinale (LCR) ha un suo ruolo importante nell’esprimere la potenza del "Soffio di Vita" e nel distribuirla attraverso la "Respirazione Primaria".
La potenza del "Soffio di Vita" riveste un ruolo determinante per per il mantenimento della salute e dell’equilibrio corporeo. In questa potenza è contenuto un progetto fondamentale per la Salute, che agisce a livello cellulare come un principio ordinatore e di regolazione di base.

Questo principio integra il funzionamento fisiologico di tutti i sistemi corporei. Il Dr. Sutherland ritenne, dopo aver valutato e trattato secondo questi principi migliaia di pazienti, che la potenza del "Soffio di Vita" avesse in sé un’Intelligenza (che egli scriveva con la "I" maiuscola) di fondo, e si era reso conto che l’operatore poteva adoperare questa forza intrinseca per aiutare la Salute (che egli scriveva con la "S" maiuscola), riuscendo a percepire e cooperare con le diverse maree (diversi ritmi) della "Respirazione Primaria".

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO

L’operatore innanzitutto valuta la motilità intrinseca dei tessuti e dei fluidi corporei, appoggiando delicatamente le mani (principalmente su cranio, sacro, colonna, caviglie, ventre) e successivamente, attraverso appropriati protocolli di trattamento, cerca di ristabilire un riequilibrio, favorendo le funzioni della linfa, dei liquidi intra ed extra cellulari e ancora cefalo-rachidiani.

In questo modo il paziente si riconnette con la sua stessa natura, ovvero con le strutture embriologiche originarie ripercorrendo durante il trattamento le varie tappe di sviluppo delle diverse strutture in modo da avviare un processo di autoguarigione, tramite la riorganizzazione di eventuali disequilibri, che possono aver perturbato l'organismo, in qualsiasi momento recente o remoto.

QUANDO SERVE

Il campo d’applicazione è molto ampio:

  • disfunzioni neonatali strutturali e/o funzionali
  • disturbi comportamentali nel bambino
  • problemi in età scolare
  • alterazioni del sistema immunitario
  • alterazioni del sistema endocrino
  • disturbi osteoarticolari e viscerali
  • anomalie cranio-facciali
  • squilibri conseguenti a terapie farmacologiche (antibiotici, chemioterapici, radioterapici, vaccini, anestesie, ecc.)
  • ...

Questo approccio non ha controindicazioni e si applica a tutte le età, dal neonato alla persona anziana.

 

 

 


PRENOTA UN APPUNTAMENTO

+39 049 8934703


INVIACI UNA RICHIESTA

info@osteocenter.it


DOVE SIAMO

Vigonza - Padova